Accedi
HARDGREEN SRL
carrello
Accedi

PNEUMATICI RUN FLAT

Cos’è un pneumatico run flat e a cosa serve

pneumatici run flat, in caso di foratura possono percorrere ancora 80 chilometri ad una velocità di 80 km/h, la vettura non subisce nessuna conseguenza per quanto riguarda la stabilità, sia in curva che in rettilineo, tuttavia è chiaro che non bisogna ugualmente esagerare, sia nella velocità, che nella percorrenza e che quindi bisogna comunque fermarsi il prima possibile.

Come riconoscere uno pneumatico Run Flat

I pneumatici run flat si riconoscono dalla scritta riportata sulla fiancata della carcassa. Solitamente c’è scritto RSC oppure RFT, nel caso dei grandi costruttori di pneumatici per i rispettivi modelli di run flat, vi sono le seguenti diciture:

Pirelli: Euforia
Michelin: Zp
Bridgestone: RFT
Continental: SSR
Goodyear: Run on flat

Come individuare un'anomalia sugli pneumatici Run Flat

Il sistema run flat, è collegato elettronicamente alla vettura, nel senso che a foratura avvenuta, un sistema di controllo chiamato TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) avverte il conducente della perdita di pressione di uno dei 4 pneumatici.

Sul cruscotto dell’auto verrà visualizzata con un simbolo luminoso e a volte acustico la presenza dell’anomalia.

I sensori elettronici sono applicati all’interno della ruota, precisamente sono fissati al cerchio e trasmettono in radio frequenza a 433 MHZ, sono chiamati sensori a metodo diretto.

Quelli a metodo indiretto, invece sono collegati alla vettura e non alla ruota e sfruttano il sistema ABS, nel senso che il sensore antibloccaggio delle ruote legge la circonferenza metrica della stesse e in caso di anomalia (foratura) segnala prontamente l’inconveniente alla centralina.