Accedi
HARDGREEN SRL
carrello
Accedi
News | 15 Marzo 2019
Il tuo Pianeta ha bisogno di te!
Uniti per combattere i cambiamenti climatici
Autore staff egommerce.it

Noi di Hardgreen (www.egommerce.it) ne siamo convinti da più di 10 anni e con tutte le nostre risorse offriamo la possibilità di contribuire concretamente alla diminuzione del cambiamento climatico; ci abbiamo sempre creduto proponendo di guidare con pneumatici ricostruiti/rigenerati!
Ringraziamo tutti i nostri clienti che contribuiscono, con l’acquisto di pneumatici ricostruiti, a incrementare i dati sotto riportati, dati che parlano con i fatti, non solo con le parole.

Nel 2018, solo in Italia, risparmiati 210 milioni di euro, 102 milioni di litri di petrolio e 30.504 tonnellate di altre materie prime.

Con 34.007 tonnellate di pneumatici usati avviati alla ricostruzione si sono risparmiate 32.124 tonnellate di materie prime, portando alla riduzione del consumo energetico di 112 milioni di litri di petrolio ed equivalenti. Questo mercato contribuisce anche alla diminuzione della spesa per l’utilizzatore finale per ben 220 milioni di euro annui, in quanto un pneumatico ricostruito costa decisamente meno di un pneumatico nuovo. 
Nel nostro Paese sono rimasti pochi sostenitori del ricostruito, specialmente dopo l’ingresso della vendita di pneumatici nuovi provenienti dalla Cina. 
Seppur le migliori aziende produttrici mondiali siano italiane, la quota della ricostruzione sugli acquisti di pneumatici di ricambio dovrebbe, aumentare ulteriormente allineandosi a quella delle altre nazioni economicamente avanzate, seppur attualmente già considerevole. Ciò permetterebbe di sfruttare appieno le valenze ambientali ed economiche dei ricostruiti e contribuirebbe in modo determinante al contenimento dei costi e dei consumi energetici a tutto beneficio dell’ambiente, degli automobilisti, delle aziende di autotrasporto pubbliche e private e della stessa fattura petrolifera italiana.

Con la ricostruzione è possibile allungare il ciclo di vita del pneumatico nuovo di qualità e quindi rallentare la trasformazione delle gomme in rifiuto. In pratica, dalla carcassa originale ed ancora in perfetto stato di efficienza dello pneumatico il ricostruttore, avvalendosi di macchinari e tecnologie particolarmente affidabili, rimuove il battistrada usurato e lo sostituisce con il nuovo. L’affidabilità dell’intero processo di ricostruzione è assicurata da controlli obbligatori molto accurati e rigorosamente regolamentati dalle norme ECE ONU 108 e 109 e dal fatto che gli pneumatici ricostruiti sono molto diffusi proprio su mezzi di trasporto come aerei, autocarri e autobus, dove le sollecitazioni e gli stress meccanici sono maggiori rispetto ai veicoli di uso comune.

Proprio per queste ragioni, la valenza ecologica dei ricostruiti è stata ufficialmente riconosciuta anche in Italia sul piano normativo dal Ministero dell’Ambiente (decreto 9/1/2003) che ha esentato gli pneumatici usati dalla normativa sui rifiuti. Anche il Parlamento italiano ha stabilito con legge l’obbligo per le pubbliche amministrazioni e per i gestori di pubblici servizi di riservare ai ricostruiti almeno il 20% degli acquisti di pneumatici di ricambio. Ma come purtroppo spesso accade, anche la legge viene trascurata e si preferisce spendere con i soldi pubblici di più e fregarsene dell’ambiente.

Guidate sicuri, economici ma ecologici con pneumatici ricostruiti di egommerce.it