Accedi
HARDGREEN SRL
carrello
Accedi
News | 05 Aprile 2017
Cambiamo le gomme invernali con la meteo non con la data!
Sino al 15 aprile, ma è necessario?
Autore Maurizio Andreozzi

Il deputato Marco Bergonzi ha contestato in commissione Ambiente della Camera dei Deputati la legislazione che obbliga  l'uso di pneumatici invernali sino al 15 Aprile. Questo  il suo intervento integrale:

 “La stagione primaverile ampiamente avanzata e le temperature decisamente elevate, rendono non solo inutili, ma decisamente inopportuno l’utilizzo dei pneumatici invernali, in gran parte del nostro Paese. Milioni di automobilisti ed autotrasportatori montano pneumatici invernali all’inizio della stagione fredda, preferendo tale soluzione all’acquisto di catene da neve. Questo tipo di pneumatico, oltre ad avere un particolare disegno di battistrada, è costituito da una mescola tenera, che gli consente di essere particolarmente efficace alle basse temperature dove offre la massima aderenza, ma che, quando le temperature salgono, ne determina un’usura decisamente superiore a quella dei pneumatici estivi. L’obbligo di dotazioni invernali scatta nella maggioranza delle strade, dal 15 Ottobre e termina il 15 Aprile, ma visto l’andamento della temperatura in gran parte del nostro territorio, ritengo sarebbe opportuno anticipare il termine del 15 Aprile, sulle strade ove tale obbligo è previsto. Si otterrebbe così, oltre ad un evidente risparmio per gli automobilisti, anche un beneficio ambientale, stante la riduzione dei quantitativi di gomme da smaltire e dei materiali ed energia per produrle. L’opportunità che le date fissate per l’obbligo di mantenere le dotazioni invernali sui veicoli siano flessibili in funzione dell’andamento climatico è peraltro del tutto analoga a quanto già avviene per il periodo di accensione e spegnimento degli impianti di riscaldamento negli edifici, che viene anticipato o spostato in ogni località, a seconda delle temperature”.

Noi di egommerce  sensibili all'ambiente e alla sicurezza sulle strade siamo d'accordo che venga regolamentata in questa direzione la legislazione vigente, auspichiamo però che le strade di montagna oltre i 1000 metri mantengano la data dell'obbligo sino al 15 aprile.